Ultime notizie

Blog

Farina di Farro: origini e caratteristiche

La farina di farro negli ultimi anni è diventata un alimento sempre più richiesto sul mercato, soprattutto grazie alle sue qualità e ad un gusto particolarmente intenso. Oggi vi accompagniamo a scoprire le sue origini e le caratteristiche principali.

Un cereale dalla storia antichissima

Il farro, pianta erbacea della famiglia delle Graminacee, è utilizzato e apprezzato fin dai tempi antichi, tanto che viene indicato come la prima specie di grano coltivato e “domesticato”. Molto diffuso tra i romani, che lo utilizzavano per ottenere focacce e polente, è il cereale che dà il nome alla farina.

Il farro è particolarmente resistente al freddo e può essere coltivato anche in terreni molto poveri, per questo nell’antichità ottiene un grande successo e si diffonde rapidamente. Il successivo arrivo del grano, dalla resa molto superiore, lo ha però pian piano soppiantato. Nonostante questo negli ultimi anni sta prepotentemente tornando sulle nostre tavole, facilitato dalla “moda” dei grani antichi e soprattutto dalle caratteristiche delle diverse varianti, che non hanno bisogno di particolari trattamenti e sono quindi prodotti molto naturali.

In generale possiamo identificare tre specie di farro: Triticum monococcum (piccolo farro), Triticum dicoccum (il farro propriamente detto), Triticum spelta (farro maggiore). Pur essendo tutte adatte alla macinazione, nel nostro mulino realizziamo farine solamente con le ultime due varietà, che garantiscono una maggiore versatilità.

Il processo di macinazione

Per ottenere la farina di farro, diversamente da quello che accade per la maggior parte dei cereali, è necessario sottoporre i chicchi ad un processo di decorticazione prima di poter effettuare la macinazione. La naturale conformazione del chicco infatti non permette di separare la parte esterna della crusca durante le tradizionali fasi di trebbiatura e selezione. È quindi necessario almeno un passaggio in una decorticatrice. Il nostro impianto di decorticazione, ad esempio, è esclusivamente dedicato ai cereali biologici e ci permette di ottenere farine di qualità, ricche di fibre e proteine.

Le caratteristiche nutrizionali

La farina di farro è molto simile a quella di frumento, sia per composizione che per gusto, anche se è più digeribile e saziante e ha un sapore più intenso. Queste caratteristiche sono dovute alla presenza di molte fibre e della giusta quantità di carboidrati, proteine, sali minerali e vitamine del gruppo B.

Il basso apporto calorico, unito alla notevole capacità di assorbire acqua, rende la farina di farro il prodotto ideale per la produzione di pasta fresca, pane e dolci, soprattutto per chi vuole mantenersi in forma o ha difficoltà a digerire i prodotti a base di grano. La farina di farro contiene inoltre glutine, anche se in basse percentuali, quindi non è adatta ai celiaci.

Articoli correlati

Farina Manitoba: origini, caratteristiche e usi

Farine Agosto 27, 2021
La farina di Manitoba è sempre più spesso presente sulle nostre tavole, ma in pochi conoscono la sua storia e le sue origini. Andiamo a scoprirle insieme.

La forza della farina

Curiosità Luglio 23, 2021
Le farine non sono tutte uguali, per questo è importante utilizzare di volta in volta quella più adatta per le ricette che vogliamo realizzare.

Grano duro Cappelli:
origini, caratteristiche e punti di forza

Farine Maggio 26, 2021
Il grano duro Cappelli è un grano tra i più amati e diffusi in Italia, rimasto autentico e senza modificazioni fin dalla sua nascita nel 1915.
farina di kamut

Farina di Kamut® Khorasan: storia e caratteristiche

Farine Aprile 23, 2021
La farina di Kamut è particolarmente indicata per una buona alimentazione, ricca di valori nutrizionali interessanti, facile da digerire e con una storia molto antica.
Farina di Kamut® Khorasan: storia e caratteristiche