Ultime notizie

Blog

Come conservare la farina:
consigli e suggerimenti

La farina è un alimento diffusissimo nelle nostre cucine ma molto delicato, soprattutto con il caldo dell’estate, che può alterarne le qualità e facilitare la comparsa di insetti e farfalline. Vediamo insieme come possiamo conservarla al meglio.

Evitare la comparsa delle tarme

Uno dei problemi più diffusi nella conservazione della farina è rappresentato dalla presenza di tarme, piccoli insetti e farfalline, che, contrariamente da quanto si possa pensare, sono un sinonimo di farina di qualità. Sono infatti più diffusi in farine pregiate ottenute da grani biologici non trattati chimicamente, senza conservanti e spesso macinati a pietra, dove la presenza del germe del grano può favorirne lo sviluppo.

Esistono diversi trucchi e strategie per tenere al sicuro la farina e non dover rischiare di buttarla via. Per prima cosa è consigliabile tenere pulita la dispensa, soprattutto in primavera ed estate, quando l’umidità tende a far proliferare gli animaletti. Utilizzare una miscela di acqua e aceto bianco può essere un ottimo repellente naturale per tenerli lontani. In alternativa si possono posizionare alcune foglie di alloro, i chiodi di garofano o un batuffolo di cotone imbevuto di oli essenziali di lavanda vicino al contenitore della farina. Tutti questi prodotti infatti hanno odori che disturbano gli insetti e non li fanno avvicinare.

Anche eliminare dal luogo di conservazione le confezioni già aperte da tempo può aiutare a mantenere lontani gli insetti che sono attirati dagli odori del cibo.

Fondamentale è poi la scelta del luogo in cui riporre la farina, che deve rispettare alcune caratteristiche precise.

Scegliere il luogo giusto

Alcune delle sostanze presenti nella farina sono infatti particolarmente deperibili e il contatto con determinati elementi esterni (come luce, ossigeno e umidità), ne possono compromettere irrimediabilmente l’utilizzo.

La dispensa perfetta deve quindi avere una temperatura compresa tra i 10 °e i 25° C con valori di umidità medi e deve essere lontana da fonti di calore. In questo modo si riesce ad evitare la formazione di muffe, tipica degli ambienti estremamente umidi, e il deterioramento della farina dovuto a scarsa umidità, ambiente asciutto o freddo.

Scegliere il contenitore migliore

Anche la scelta del giusto contenitore è importante per la buona conservazione della farina. Per evitare la comparsa di muffe ed insetti e per preservare tutte le qualità della farina è consigliato l’utilizzo di contenitori con chiusura ermetica, soprattutto se in vetro. In questo modo la farina sarà inoltre protetta dalla possibile influenza di odori che potrebbero comprometterne le caratteristiche. Tutti i tipi di farina infatti tendono ad assorbire i profumi e i sapori che li circondano. Da evitare invece i sacchetti in lino che, anche se esteticamente molto belli, assorbono l’umidità della farina, rendendola inutilizzabile in poco tempo.

Articoli correlati

Farina Manitoba: origini, caratteristiche e usi

Farine Agosto 27, 2021
La farina di Manitoba è sempre più spesso presente sulle nostre tavole, ma in pochi conoscono la sua storia e le sue origini. Andiamo a scoprirle insieme.

La forza della farina

Curiosità Luglio 23, 2021
Le farine non sono tutte uguali, per questo è importante utilizzare di volta in volta quella più adatta per le ricette che vogliamo realizzare.

Grano duro Cappelli:
origini, caratteristiche e punti di forza

Farine Maggio 26, 2021
Il grano duro Cappelli è un grano tra i più amati e diffusi in Italia, rimasto autentico e senza modificazioni fin dalla sua nascita nel 1915.
Farina Manitoba: origini, caratteristiche e usi
La forza della farina